Seleziona una pagina

La nostra storia cominciò il 16 novembre 1978 quando per la prima volta alzai le saracinesche e aprii la nostra ottica al pubblico. Ricordo che chiesi consiglio a mio padre sul migliore cammino da seguire perché la mia attività prosperasse. Fin da allora mio padre, un medico che aveva votato tutta la sua vita al servizio dei propri pazienti, era per me un punto di riferimento fondamentale nella gestione della mia vita e del mio lavoro. Quando gli chiesi consiglio, mi rispose: “Vuoi essere libero di esprimere il tuo giudizio, di fare i tuoi errori e di giocarti il tuo guadagno giorno per giorno o vuoi essere schiavo dei giudizi e degli errori di altri a fronte di un sicuro guadagno?” In realtà non mi disse di fare o non fare nulla, ma fu un monito importante per me e su come scelsi di costruire il mio futuro.  Questa scelta ha influenzato tutti i 40 anni di attività che sono seguiti.

Nel 1984, quando stavo cercando una commessa, mi presentarono Claudia. Era bellissima, coi suoi occhi azzurri sfumati di verde che riflettevano una grande intelligenza ed organizzazione. Mi piacque il suo gusto impeccabile e la sua gestualità controllata e dopo 8 anni la sposai e da quel momento “la mia attività” è diventata “la nostra attività”.  L’ingresso di Claudia in questo nuovo ruolo diede una nuova spinta all’Ottica Gianni Greco: oggi come ieri è bellissimo vederla innamorata del nostro negozio e dei suoi prodotti e questo si riflette nella cura e nell’attenzione dei clienti. Anche per questo non riuscirei a proporre un articolo che Claudia non ama.

Sono 31 anni che io e Claudia lavoriamo insieme, fianco a fianco, ogni giorno. Se per molti sarebbe impossibile gestire un rapporto come questo, per noi è stato un grande valore che siamo riusciti a preservare con una separazione netta dei nostri ruoli e la totale fiducia nel compimento di questi.

Adoro dire che siamo investigatori della vista e della visione… e Claudia, quando indossa gli occhiali da vista ha lo stesso piglio acuto e penetrante di Sherlock Holmes… ma è molto più carina 😉

 

La netta divisione dei ruoli oltre a consentirci di andare d’accordo e dare il meglio di noi, mi ha sempre permesso di concentrare la mia attenzione sull’optometria comportamentale e le implicazioni che ne derivano nelle tecniche di costruzione degli occhiali e nelle tacniche di applicazione delle lenti corneali speciali post interventi di cherato plastica o di chirurgia refrattiva.

Nel 1987, grazie all’incontro con Robert B. Sanet, optometrista e professore californiano, ho imparato a trattare, attraverso il visual training o ginnastica visiva e delle tecniche derivate dal Metodo Bates, i problemi di attenzione, concentrazione, memorizzazione  e delle disfunzioni delle abilità visive correlate alla percezione e all’aspetto cognitivo dell’apprendimento.

Dal 1991 ho collaborato per altri 4 anni con Mediolanum Valley per aspetti di screening e miglioramento delle performance sportive degli atleti.

Nel 1999 sono stato scelto, insieme ad altri 150 optometristi di tutto il mondo, per lavorare a favore di Special Olympics al servizio di giovani diversamente abili al fine di aiutarli a migliorare la qualità della vita.

Dal 2000, per 3 anni, sono stato Direttore Clinico di Special Olympics Italia  che fornisce gratuitamente strumenti per la correzione dei difetti visivi dei ragazzi italiani diversamente abili.

Nel 2011 abbiamo inaugurato un secondo punto vendita in Viale Alberti, zona molto popolata ai margini del centro storico di Ravenna, per allargare la nostra clientela grazie alle capacità di Cristina che dal 2015 è affiancata da Riccardo, seconda generazione di optometristi della Famiglia Greco.

Infine voglio ringraziare particolarmente le persone che hanno trovato gioia e soddisfazione dal fruire i nostri servizi in tutti questi anni… perché la storia dell’Ottica Gianni Greco non è costruita solo da Gianni, Claudia, Cristina e Riccardo, ed oggi anche Umberto, ma anche e soprattutto da quelle migliaia di persone che con i loro pareri sia positivi che negativi ci hanno permesso di crescere giorno dopo giorno.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This